Mercato Germania

La Germania rimane uno dei maggiori target dell’export enologico italiano. Ma è anche importante paese produttore, patria di grandissimi bianchi, centro nevralgico del commercio europeo grazie ad una fiera quale ProWein e laboratorio all’avanguardia per quel che riguarda la viticoltura del futuro – basti pensare che la sperimentazione sui vigneti resistenti alle crittogame, i cosiddetti…

Vota:

Vini biologici

Se un tempo la questione principale era sceglier fra un vino bianco o uno rosso, ora la domanda è sempre più spesso: “scegliere fra un vino tradizionale o uno biologico?” Quello che fino a qualche anno fa era un fenomeno marginale, è cresciuto a passo così sostenuto da diventare un fenomeno mondiale di importanza non…

Vota:

Uva e stress idrico

I PIWI, ovvero varietà resistenti, di cui abbiamo recentemente parlato, sono solo una delle risposte possibili al cambiamento climatico. L’instabilità climatica è un problema complesso, che va ad incidere non solo sulla vite stessa e, quindi, sul suo metabolismo, ma anche sullo sviluppo dei patogeni. Periodi prolungati di condizioni ambientali vicine all’ottimale per lo sviluppo…

Vota:

Anidride Solforosa: status quo e alternative

L’uso dei solfiti è fra le tappe che hanno permesso all’enologia moderna di diventare tale. Infatti, se l’utilizzo di fumigazioni con anidride solforosa per risanare fusti e locali è attestato anche nell’antichità, tuttavia l’impiego continuativo della stessa in enologia risale ai primi dell’800, mentre è solo alla fine del secolo che l’uso viene esteso anche…

Vota:

PIWI: quando la viticoltura si adatta ai cambiamenti climatici

Fra le grandi sfide che la viticoltura sta affrontando e sempre più dovrà fronteggiare vi è il cambiamento climatico. Non a caso la Court of Master of Wines ha organizzato a maggio scorso, un incontro sul cambiamento climatico, l’International Cool Climate Wine Symposium e  altrettanto farà per il 2018, segno che questa tematica è cruciale nel…

Vota:

Anteprime di Toscana

Manca poco per l’avvio di uno degli eventi più impegnativi e interessanti del panorama vinicolo italiano, quello delle Anteprime di Toscana. Impegnativo perché dalle iniziali quattro denominazioni principali si è passati ad un evento molto più sostenuto in termini numerici, logistici ma anche energici per i visitatori – fattore quest’ultimo da non sottovalutare – che…

Vota:

Lo chiamano leggenda

È il Prosecco, un vino sul quale nessuno avrebbe scommesso fino a metà anni Novanta e che invece è riuscito a conquistarsi nicchie di mercato impensabili, scardinando persino la roccaforte delle bollicine per eccellenza, Parigi, e diventando simbolo di un modo di essere e stare più che di un prodotto geograficamente collocato, “un brand internazionale…

Vota:

Intervista a Zachary Sussman

L’Italia è il primo Paese fornitore per gli USA (seguito dal Cile) e se il 2016 sembra non essere stato così positivo come ci aspettava, tuttavia l’incremento a valore per i primi 9 mesi dell’anno si è aggirato sul +1,8 per cento pur con una contrazione di un punto percentuale in volume (dati Wine and…

Vota:

Anteprima AMARONE

È prevista per il 28 gennaio alla Gran Guardia di Verona l’appuntamento con l’Anteprima Amarone, annata 2013. Un appuntamento importante che rimette al centro dell’attenzione una delle denominazioni più rappresentative del panorama enoico eppure oggi fra le più tormentate. Tralasciando le voci di corridoio sulle difficoltà economiche che attanaglierebbero la denominazione, intendo soffermarmi su quelle…

Vota:

Il Registro Telematico del vino

Se il 2016 si è chiuso con l’approvazione del Testo Unico, il 2017 si apre con l’avvio del Registro Telematico del vino. Dal 1 gennaio è infatti pienamente operativo e obbligatorio il Registro Telematico del vino. Nelle intenzioni del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, “consentirà di eliminare i registri cartacei, compresi gli adempimenti…

Vota:

“Non abbiamo bisogno della barrique.”

Per Alberto Antonini, fra i 5 migliori enologi al mondo secondo Decanter, ne siamo troppo dipendenti . “Per fare un vino di alta qualità bastano anche le vasche di cemento o le grandi botti non tostate”. Parola di Alberto Antonini, fra gli enologi che hanno modellato la viticoltura mondiale grazie ad un lavoro di consulenza…

Vota:

Vini Vulcani: una nuova chiave di lettura dell’enologia italiana

(oltre che in un importante strumento di marketing) Intervista a Jane Nisbet Huseby, consulente internazionale con alle spalle un solido background nel settore enologico. Fondatrice della compagnia cilena Brandabout – che dal 2005 gestisce incontri B2B in oltre 60 realtà vitivinicole fra Cile e Argentina, Jane lavora in Europa affiancando cantine e importatori nello sviluppo…

Vota:

Lieviti di ultima generazione, genome editing e nuove sfide

Il mondo enologico non si sta semplicemente trasformando, si sta rivoluzionando. Il professor Attilio Scienza sui temi caldi del momento. Ex Direttore generale dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige, Accademico ordinario dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino, vincitore del premio Premio AEI per la ricerca scientifica nel 1991, del Premio Internazionale Morsiani nel 2006, del…

Vota:

La Drosophila Suzuki torna ad inquietare

Per questo è necessario che il prossimo anno l’Italia non si faccia trovare impreparata come è successo in alcune zone quest’anno dove si sono persi importanti quantitativi di uva a causa di un improvviso marciume in tempo di vendemmia, da imputare proprio all’insetto asiatico. Se, infatti, nel 2015 l’annata calda e secca ha decimato la…

Vota:

“Il Bio (non) è uguale per tutti.”

Una questione importante a riguardo dell’armonizzazione degli schemi di certificazione internazionali del biologico. “Un’armonizzazione su scala globale di fatto non esiste ed è frutto unicamente di accordi bilaterali tra Unione Europea e gli altri paesi produttori, sia per quanto riguarda l’indicazione biologico dei vini importati sia per la possibilità dei produttori bio europei di esportare…

Vota: